Terra natìa

Quando ero piccola l’estate era immobile.

Persino i sogni si nascondevano per la calura.

Avevano paura di perdersi nel sudore.

Nei pomeriggi non succedeva niente, passavano senza lasciare impronte.

Mia nonna comprava la coppa alle amarene, solo per avere la fortuna di trovarci i frutti rossi.

Io aspettavo di crescere per andare via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Vedi l'informativa completa

Chiudi